L’Antica Corte Marchesini a Campagna Lupia

E’stata una vera scoperta, vicino a Dolo. E’ giusto sulla strada che da Dolo porta a Campagna Lupia, a sinistra per chi viene dalla Riviera del Brenta. Hanno dimostrato una sensibilità inaspettata per Internet, considerato che la maggior parte delle prenotazioni viene fatto con questo mezzo, senza per questo dimenticare il territorio. E poi, la loro semplicità li rende subito … Continua a leggere

Avio, un comune che sa salvaguardare la tradizione

Il territorio di Avio, per sua natura, è da sempre un’area che basa la sua economia sulle attività agricole e zootecniche. Basta uno sguardo, anche superficiale, a questo tratto di Vallagarina per rendersi immediatamente conto di come la coltura della vite sia il fattore trainante di un’economia che affonda le sue radici in un’antica tradizione. Attorno alla viticoltura sono nate … Continua a leggere

Graffignana, sui colli tra Lodi e Milano

Graffignana è un piccolo paese in provincia di Lodi, conta circa 2600 abitanti. E’ situato tra i colli di San Colombano e le morbide anse del fiume Lambro Nella storia è stato possedimento dei monaci certosini e nel suo stemma spicca la scritta GRACAR, abbreviazione di Gratiarun Carthusia, acronimo riportato anche nel vestibolo della Certosa di Pavia. A sud del … Continua a leggere

Buje e il Bujese

Sulle colline nel retroterra a soli quattordici chilometri da Cittanova ed a dieci da Umago è situata una cittadina ricca di storia: Buje. Tracce di vita in questa zona risalgono alla preistoria: la Bullea romana, la necropoli slava, la borgata medievale. Risalgono proprio a questo periodo (XV secolo) le fortezze di pietra che sorgono sull’antico centro storico, con le sue … Continua a leggere

Salvore, dall’impero ai giorni nostri

Parliamo un poco con Dario Penco, direttore dell’Ufficio turistico di Salvore. Senza alcun dubbio, Abbazia e Salvore sono stati due punti storici del turismo: qui hanno cominciato, ai tempi dell’impero asburgico, a venire i primi turisti, anche grazie alla ferrovia, la famosa e purtroppo scomparsa Parenzana. Intorno a Salvore, fra l’altro niente a che vedere con le città balneari italiane, … Continua a leggere

Brda, un sogno

La favolosa, interessante e suggestiva regione chiamata Brda, in italiano Collio, si estende all’ estremo ovest della Slovenia su un territorio di 72 kmq.. A limitarla sono a sudest il fiume verde smeraldo Soča (Isonzo), a nord-ovest il fiume confinario Idrija (Judrio) oltre il quale il Collio si espande solo in piccola parte anche sul territorio italiano, ad est il … Continua a leggere

San Canzian d’Isonzo: continua l’impegno a livello internazionale

Dopo l’intervento del Sindaco di San Canzian d’Isonzo al Festival Europeo del Gusto a Umago, per presentare la propria comunità e la Bisiacaria ai giornalisti e ai comunicatori di oltre 13 paesi europei e di 16 regioni italiane, il Comune propone per domenica 13 dicembre una giornata dedicata alla ‘Pace e Solidarietà sotto l’albero’, una festa promossa da tutte le … Continua a leggere

Sinkovic e Facchin, due maestri nel loro genere

Per la cena siamo andati da Libero Sinkovic, in quel di Momiano, vicino a Buie, in Istria. Con noi c’era Sandro Facchin, il maestro fornaio dii Ciano di Crocetta del Montello. La famiglia Sinković, comprende il signor Libero, sua moglie Dora, ed i figli Patrik e Sergej, che, la sera, sono tuuti occupati nell’agriturismo. Per le pietanze, nelle diverse portate, … Continua a leggere

Šmartno, il regalo di Zlatko

Il paese di Šmartno (San Martino di Quisca) si trova proprio nel centro geografico del Collio, attualmente quello sloveno. Un poeta paragona il borgo ad un nido d’aquila da dove lo sguardo può abbracciare tutta la zona circostante, che va dal monte Nanos ad est alle Alpi Carniche a nord-est, e a tutta la Pianura Friulana fino al mare Adriatico. … Continua a leggere

Filoxenia, ovvero un pezzo di Grecia a Trieste

La comunità greca a Trieste data ormai tre secoli, che vi arrivò a metà del ‘700: allora la Grecia era dominata dai Turchi, e la avveduta politica dell’Imperatrice Maria Teresa e dei suoi successori fece sì che fossero ben accolti. I Greci svolgevano soprattutto attività marittime, e ciò era congeniale allo sviluppo del porto asburgico. Verso il 1780, ricordiamo che … Continua a leggere