La malvasia di Dario

FESTIGIA-Malvazija.jpgEravamo a Crassizza, in occasione di Oleum Olivarum, e Dario Penco mi dice “Assaggia questa Malvasia. E’ la migliore in Istria.” Se non è la migliore in assoluto, è certamente fra le migliori.

Il produttore è Agrolaguna, una società la cui attività si svolge in una unità con più produzioni: vino, olio, bestiame, panificio, e un caseificio. Tutti i suoi prodotti marchi estremamente ben noti marchi in regione.

Agrolaguna ha più di 300 ettari di piantagioni complessive tra le varietà di uve da vino rosso e bianco, in cui produce vini istriani come la Malvasia, Terrano, Moscato, Gamay e altri.

Oltre ai vigneti, sul mercato è ben noto l’olio di qualità d’oliva, che proviene da loro alberi di olivo, che copre una superficie di circa 250 ettari.

Agrolaguna produce anche ottimo latte intero di vacca grassa e formaggio di pecora, benvoluto e riconosciuto sul mercato.

La proprietà si estende dal mare alle zone che si trovano sui 270 m sopra il livello del mare. Del totale di 2.500 ettari di vigneti di Parenzo, i vigneti Agrolaguna coprono 300 ettari. Bisogna menzionare che l’area si trova in lieve pendenza, su colline soleggiate con i tipi di terreno buono, che sono rossi principalmente nella parte costiera, mentre nella parte centrale della penisola, prevale il colore bianco del suolo.

Questo vino, conosciuto fin dai tempi antichi, è l’orgoglio della regione vinicola di Porec. O Parenzo che dir si voglia. Solo questo tipo di uve di qualità danno i loro frutti qui, ed è impossibile separare dalla eccellente Malvasia la regione di Parenzo. Bisogna sentire il profumo, il gusto e la varietà e la ricchezza della sua armonia.

La Malvasia è commercializzata col marchio Festigia.

 

Agrolaguna dd Porec

Mate Vlašića 34

52440 Porec, -Parenzo Croazia

Tel: +385 / 52 453-179

 +385 / 52 432-111

Fax: +385 / 52 451-610

E-mail: agrolaguna@agrolaguna.hr

http://www.agrolaguna.hr/

La malvasia di Darioultima modifica: 2010-03-20T15:59:14+01:00da mauroriotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento